Associazioni: A.I.T – Associazione Italiana Transessuali
ait
+
Categoria: Associazioni
set, 13, 2015

Questo mese dedichiamo la rubrica “Associazioni” di Agorà Giornale Telematico all’A.I.T, dando spazio a questa realtà e voce alla sua presidentessa, Sandra Alvino.

L’Associazione Italiana Transessuali nasce a Firenze nel 2001, con lo scopo di rappresentare presso le forze politiche nazionali e non, e presso le varie altre associazioni culturali e sociali, le problematiche relative al disagio dell’identità di genere volgarmente chiamata transessualismo.

In Italia il cambiamento di sesso è consentito dalla legge 14 Aprile 1982, n. 164: “Norme in materia di rettificazione di attribuzione di sesso”. Con il sostegno di un’equipe psicologica, endocrinologica e medica può essere avviato un percorso per giungere alla riconversione del sesso. La legge prevede che solo al termine di questo percorso la persona potrà avanzare domanda al Tribunale competente per ottenere l’autorizzazione alla riassegnazione del sesso e al cambiamento del nome.

L’associazione vuole soprattutto rappresentare per le persone transessuali un punto di riferimento idoneo a risolvere l’inserimento nel mondo del lavoro “tradizionale” che ad oggi risulta del tutto impossibile e ad uscire da quello della prostituzione.

Ci stiamo battendo per far si che gli “ex trans”, ora ufficialmente donne, che in passato sono state schedate come “trans” per reati legati alla prostituzione o altri piccoli reati, vengano cancellate dagli elenchi degli schedati delle questure” afferma Sandra Alvino, presidentessa A.I.T.

Le attività svolte sono attività legate alla prevenzione e all’assistenza socio sanitaria e legale, gruppi di auto aiuto, progetti in carcere, attività di informazione, promozione e di socializzazione, oltre che all’ascolto telefonico e non.

L’associazione da inoltre indicazioni e supporto a chiunque voglia informazioni sulla possibilità di cambiare sesso. Per questo siamo in contatto e collaboriamo con la Clinica Monna Tessa e con lo Studio Legale Massimo Taiti di Prato”. Continua Sandra Alvino “E’ importante far capire alle persone e alla nostra società che c’è gente che soffre per problematiche legate all’identità di genere e che ognuno dovrebbe prendere le decisioni che riguardano se stesso o se stessa in autonomia, nella massima serenità e con totale libertà, perché la democrazia è importante proprio perché non dovrebbe minare la libertà di ogni singola persona.”

Per ulteriori informazioni è possibile contattare i seguenti numeri

347/3086110

055 373035

tutti i giorni dalle 10 alle 18.

Nessun commento