Counselor. Psicologo. Psicoterapeuta.
Counselor-Psicologo-Psicoterapeuta
+
Categoria: Gocce di
mar, 2, 2015

Chi sono questi personaggi?

Counselor- Psicologo- Psicoterapeuta.

Personalmente, quando cerco di spiegare in termini comprensibili le tre figure, utilizzo tre figure di riferimento dell’ambito sanitario. Il counselor lo paragono all’infermiere, lo psicologo al medico generico, lo psicoterapeuta al medico chirurgo.

Il counselor: si occupa di persone sostanzialmente sane che in determinati momenti della loro vita sentono la necessità di avere un aiuto per affrontare situazioni di disagio emotivo, esistenziale, comunicativo, relazionale. Il counselor, quindi, interviene in contesti in cui è assente un disagio o disturbo mentale. Rollo May definisce il in questo modo il counselor, ossia come colui che  ha il compito di “ favorire lo sviluppo e l’utilizzazione delle potenzialità del cliente, aiutandolo a superare eventuali problemi che gli impediscono di esprimersi pienamente e liberamente nel mondo esterno […] il superamento del problema,  la vera trasformazione, il cambiamento  spetta, comunque al cliente. Il counselor può solo guidarlo con empatia e rispetto a trovare la libertà di esser se stesso“. ( L’infermiere ).

Lo psicologo: è una persona che possiede una laurea in psicologia, acquisita attraverso un percorso formativo universitario che prevede un lavoro teorico e testuale, infatti i programmi universitari di psicologia sono incentrati su una componente diagnostica, medica di stampo cognitivista. In psicologia il test ha un utilizzo che è fondamentale per avere la diagnosi come momento conoscitivo della persona. Dopo un anno di tirocinio ed il superamento di un esame di stato si iscrive all’ordine degli psicologi e si può utilizzare il titolo di psicologo. Lo psicologo quindi può compiere interventi che spaziano dalla prevenzione del disagio e la promozione della salute psicologica alla  patologia, ossia alla cura dei disturbi mentali attraverso terapie psicologiche. (Il medico generico)

Lo psicoterapeuta: è un professionista con competenze professionali in psicoterapia, competenze non necessariamente legate alla competenza di scienze psicologiche, infatti anche i medici possono specializzarsi e diventare psicoterapeuti. Definirei lo psicoterapeuta come colui che è in grado di instaurare un processo interpersonale, volto ad influenzare i disturbi del comportamento e situazioni di sofferenza con mezzi verbali e non verbali, al fine di ridurre i sintomi o modificare la struttura della personalità, per mezzo di tecniche che differiscono per il diverso orientamento teorico a cui si rifanno. (Il chirurgo)

Nella mia visione chiamiamola romantica, ho sempre visto queste tre figure come persone che si sono avvicinate a questa materia perché portatori di ferite personali. Nel percorso di formazione il counselor ha iniziato a vedere le sue ferite grazie ad un lavoro personale di psicoterapia, che continuerà per l’arco del tempo della sua professione, iniziando così la riparazione delle sue ferite. Lo psicologo, continua ad essere ferito ma non ha possibilità di conoscere e sanare le sue ferite.

Lo psicoterapeuta, nel suo percorso di formazione vede le sue ferite, le sana grazie al lavoro personale con uno psicoterapeuta, le sana per buona parte e continuerà a sanarle lungo il cammino della sua professione.


Giuseppe Latte

1 commento
  • franca

    Mi piacerebbe sapere, restando ai paragoni, a che cosa dovremmo paragonare le altre due figure “terapeutiche” oggi tanto in luce: lo psicanalista e lo psichiatra. Grazie! Vorrei anche sapere se qualcuno può chiarirmi il senso letterale di parole che questi specialisti spesso usano quasi come sinonimi ( giusto per avere idee lessicalmente corrette e perciò anche concetti chiari, di conseguenza ). Le parole in questione sono” mente”,” anima”, “spirito” e “psiche”. Quali i precisi e diversi significati nella moderna terminologia?