Voglia di vacanze: ma dove?
Vacanze
+
Categoria: Dedicato a te
giu, 10, 2015

Ogni anno molti di noi si ritrovano annoiati e stanchi dalla vita lavorativa ma giunti al momento di decidere dove andare è il vero panico! E specie se si è in tanti, accontentare tutti non è sempre così semplice! Quindi dove andare quest’anno??

Beh.. questo articolo sarà leggermente diverso dagli altri, nel senso che non voglio consigliarvi qualche meta particolare ma semplicemente capire insieme come poter sciegliere la meta giusta. Partiamo da questo presupposto: andare in vacanza non deve diventare nè un problema nè un obbligo e, per decidere davvero cosa sia meglio per noi, è giusto fermarsi un attimo a riflettere su quali siano i nostri bisogni del momento. Un viaggio rappresenta noi stessi e può esprimere molti aspetti della nostra personalità: il nostro stile di vita, i nostri valori, le nostre abitudini più stabili. In momenti diversi della propria vita si può sognare e scegliere vacanze estremamente differenti.

Quindi forse la domanda giusta da farsi non dove andare ma, invece, di cosa ho bisogno in questo momento? Su un articolo letto di recente, ho trovato una una ricerca secondo cui ci sono 7 motivi, oltre a fattori oggettivi quali età o budjet, per cui si sceglie mete diverse:

  1. l’evasione dal quotidiano,ricercando luoghi di vacanza inusuali;
  2. l’esplorazione di se stessi, optando per luoghi che permettano di scoprire qualcosa di nuovo sul proprio profilo psicologico, migliorando la conoscenza di sé;
  3. il relax e l’allentamento della tensione psico-fisica (es. centri benessere);
  4. il prestigio,che induce a ricercare nel viaggio una possibilità di promozione sociale;
  5. la regressione attraverso azioni ludiche (es.giochi sulla spiaggia);
  6. l’impulso alle relazioni familiari, che stimola il rafforzamento di legami fondamentali anche mediante attività semplici (es. giocare a carte);
  7. il miglioramento delle interazioni sociali, che avviene attraverso forme turistiche che tendono a diminuire le inibizioni e a portare in contesti comportamentali diversi dalla quotidianità (es. villaggi in cui sono previste forme di socializzazione).

Queste sono solo alcune opzioni, ovviamente, ma spero che vi aiuteranno a pensare e scegliere la meta che davvero fa per voi! Buona scelta a tutti!

 

Asia Bianchi

Nessun commento